vincenzo agliottone - covid - stationery - contributor - cartoleria - shopping

NEGOZI AL DETTAGLIO: COME RIPARTIRE DAL LOCKDOWN?

Oggi vi proponiamo un altro articolo inedito firmato dal nostro dinamico Contributor Vincenzo Agliottone. Questa volta il tema portato alla ribalta non poteva che essere di strettissima attualità: il lockdown e gli strumenti a disposizione dei negozianti per superare il momento di emergenza che stiamo vivendo.

 

Quando i giapponesi riparano un oggetto rotto, valorizzano le crepe riempiendo le spaccature con l’oro tramite la nota tecnica del kintsugi. Essi credono infatti che nonostante le ferite, questi oggetti non solo raccontino comunque una storia ma possano anche rinascere. Noi italiani e noi occidentali però apparteniamo a una cultura differente da quella giapponese, e le ferite da queste parti preferiamo nasconderle piuttosto che mostrarle. Il cervello poi mantiene traccia di ogni esperienza e tutti noi, di certo, non dimenticheremo mai di quando nel marzo del 2020 il mondo improvvisamente si fermò a causa del Coronavirus.

vincenzo agliottone - covid - stationery - contributor - cartoleria - shopping

Per far fronte a uno scenario di salute pubblica apocalittico il nostro Governo ha deciso di sospendere molte attività commerciali al dettaglio, tra cui quelle delle Cartolerie e dei Giocattolai, creando una situazione particolare, perché se da un lato la comunità del web continua a lavorare, dall’altro lato ci sono luci spente e serrande abbassate. Ovviamente le soluzioni prese fanno discutere, ma vanno comunque rispettate, quindi non ci resta che riflettere e rimettere insieme i cocci per dare sprone al Dettaglio.

Per farlo però dobbiamo guardare nella direzione giusta, senza essere disfattisti, rimanendo concentrati per garantire in ogni modo la presenza sul mercato. Ma se è vero che la capacità di adattamento è una componente fondamentale nel mondo del business, è vero pure che siamo stati tutti colti di sorpresa, e improvvisare soluzioni non porterebbe da nessuna parte.
Ma la storia ci insegna che nelle tragedie ci sono vari fronti, e noi Dettaglianti dobbiamo capire da che parte stare e come muoverci.

Il coraggio di cambiare

Generalmente a chi ci parla di cambiamento i negozianti rispondo che “abbiamo sempre fatto così!” e, anche se questa pandemia assomiglia ad una punizione divina, bisognerà trovare il coraggio di reagire, perché se c’è una cosa che accomuna tutti gli italiani, è la capacità di risollevarsi dopo i colpi subiti.

Intanto, è sotto gli occhi di tutti che le aziende che già da tempo hanno approcciato all’on-line continuino a lavorare. Nell’ultimo mese le vendite e-commerce sono aumentate del 20%, e questo dato conferma le grandi potenzialità del web. Ma Internet offre comunque tante altre soluzioni, e i social sono un’alternativa molto valida. Basta guardare dal buco della serratura per capire come le aziende abbiano usato i social per arricchire le pagine di contenuti altamente comunicativi: il pubblico e il potenziale consumatore è connesso e non aspetta altro che sapere cosa un’azienda o un negozio propone!

vincenzo agliottone - covid - stationery - contributor - cartoleria - shopping

Restate pure a casa, al resto ci pensano i negozianti!

Quindi ai Dettaglianti non resta che impugnare lo smartphone e “metterci la faccia”, nel vero senso della parola, riempiendo gli spazi online a disposizione di validi contenuti. La parola d’ordine è intrattenere, conversare, comunicare, proporre attività rivolte al cliente così che possa sentirsi coinvolto e partecipativo. Penso a laboratori per bambini e a spazi ricercati ed esclusivi che inducano il cliente a pensare che nonostante tutto i negozianti gli sono vicini.

Mi viene anche da dire che è importante guardarsi intorno e studiare tutte le possibili mosse, e se uno pensa di dover percorrere la strada di qualcun altro che lo faccia, purché ci si muova e si rimettano insieme i cocci e si riempiano le spaccature con l’oro, perché è a questo serve il kintsugi, a rinascere.

vincenzo agliottone - covid - stationery - contributor - cartoleria - shopping

Di Vincenzo Agliottone

Articoli correlati