vincenzo agliottone - sostenibile - eco - gioco - kids - toys

ECOTOYS: A CHE PUNTO SIAMO?

Porta la firma del nostro Contributor Vincenzo Agliottone questo approfondimento molto interessante ed esclusivo che  riguarda l’eco-sostenibilità, la Produzione e la Distribuzione del settore Giocattolo.

 

Studi recenti hanno dimostrato che quello della sostenibilità ambientale è diventato per il consumatore moderno un fattore influente nell’acquisto di un giocattolo, verso il quale ripone le proprie aspettative per contribuire responsabilmente alla salvaguardia del nostro pianeta. Questo perché i cambiamenti climatici degli ultimi anni, e le numerose battaglie intraprese dagli attivisti di tutto il mondo, hanno finalmente scosso le coscienze collettive, contribuendo di fatto a modificare il nostro comportamento, e condizionando positivamente le scelte del consumatore finale.

Un concetto quello dell’eco-sostenibilità del giocattolo che sta a cuore a molti, e che ha spinto le principali aziende produttrici a rivedere l’utilizzo di materie prime alternative alla plastica, che garantissero allo stesso modo un elevato standard di sicurezza e durabilità.Questo però comporta una lenta ma radicale trasformazione che deve passare inevitabilmente per una graduale conversione dei principali processi produttivi. Ma quali sono i nuovi materiali utilizzati per la costruzione dei cosiddetti ecotoys?

vincenzo agliottone - sostenibile - eco - gioco - kids - toys

Ovviamente il legno rimane tra i materiali preferiti in assoluto, proveniente da foreste rinnovabili e sostenibili (legno certificato FSC), e trattato con colori atossici e sostanze innocue per il bambino, seguono poi il cotone biologico, le fibre naturali, la bio-plastica, il bambù, l’amido di mais, il caucciù, la sabbia, la carta e il cartone riciclato, mentre altre provengono invece dalla lavorazione di materie prime come la polvere di marmo, colorata e utilizzata per creare simpatici quadretti, e la meno nobile segatura, con la quale però si costruiscono giocattoli di altissima qualità e di estrema bellezza. Insomma, abbiamo a disposizione un numero incredibile di soluzioni, e paradossalmente è proprio la nostra madre Terra a farcene dono.

I gusti dei consumatori e il supporto del negoziante

I giocattoli ecologici hanno quindi il compito di educare il bambino alla bellezza e al rispetto della natura, e rappresentano una valida alternativa ai prodotti generalizzati, sia in termini di sostenibilità che per l’intrinseco valore ludico e didattico, soprattutto oggi che la domanda è particolarmente forte, e quasi il 50% dei consumatori ha dichiarato di preferire ad un giocattolo in plastica, uno alternativo che sia rispettoso dell’ambiente.

vincenzo agliottone - sostenibile - eco - gioco - kids - toys

Nel tempo ovviamente anche l’offerta si è evoluta, e i clienti hanno apprezzato le nuove proposte che arricchiscono di fatto l’assortimento, così da elevare il valore morale delle nostre scelte, ma principalmente quello percepito nel punto vendita.

La scelta dei materiali resta dunque un elemento essenziale per la sicurezza dell’ambiente, ma anche per la salute dei più piccoli, e tranquillizzare il consumatore durante la fase dell’acquisto resta uno dei compiti più ardui del mestiere dei giocattolai, perché se è vero che il cliente è sempre più esigente in merito a sicurezza e certificazioni, è anche vero che manca una vera e propria cultura a riguardo, e quasi sempre non si conoscono neppure i più elementari criteri di valutazione rapida.

vincenzo agliottone - sostenibile - eco - gioco - kids - toys

Dovremmo infatti istruire la clientela a saper leggere le etichette-avvertenze sulle quali vengono riportate poche ma fondamentali informazioni come i dati del fabbricante, le indicazioni riguardo all’età consigliata e il marchio CE, il quale certifica che il prodotto in questione è conforme alle norme europee, e che è stato sottoposto ad una serie di test di laboratorio che ne hanno sancito la validità. Inoltre è importante fornire loro le informazioni relative ai materiali usati, così da scongiurare spiacevoli inconvenienti che potrebbero mirare alla salute del bambino. La salute del nostro pianeta va dunque di pari passo con quella dell’uomo, e noi abbiamo il compito di proteggere e salvaguardare entrambe, perché la vita di uno dipende solo ed esclusivamente da quella dell’altro.

vincenzo agliottone - sostenibile - eco - gioco - kids - toys

A cura di Vincenzo Agliottone

Articoli correlati